Legno e arte: la coppia che scoppia

Le foreste, oltre ad essere indubbiamente affascinanti, ci forniscono una serie di beni e servizi essenziali per la nostra sopravvivenza. Basta pensare al loro ruolo nell’assorbimento dell’anidride carbonica, fondamentale per noi e per il nostro pianeta, o alla produzione di ossigeno. Oltre a queste funzioni, però, gli alberi sono importanti anche per altri ambiti della nostra vita, quale ad esempio l’arte. Ebbene sì, anche se può sembrare strano diverse attività artistiche sono state, e sono tuttora, dipendenti dalle foreste e dagli alberi. Se volete saperne di più, e scoprire anche qual è il legame tra queste arti e la gestione forestale, non ci resta che augurarvi buona lettura!

La gestione forestale…divina

Le foreste sono sempre state di fondamentale importanza per noi esseri umani, e il rapporto che ci lega è ormai millenario. Nel corso dei secoli l’uomo ha cercato di utilizzare le foreste per soddisfare i propri bisogni ma, mentre oggi la gestione del bosco è una scienza a tutti gli effetti, in passato, il controllo del patrimonio forestale, avveniva nei modi e per i motivi più svariati.
Uno dei più particolari è, senza dubbio, la religione.

Ebbene sì, può sembrare strano ma, in questo articolo, scopriremo come le credenze religiose hanno influenzato il paesaggio e la gestione forestale nel corso del tempo, fino ad arrivare ai giorni nostri.

Buona lettura!

La foresta dei Maya

Oggi Giornal di Bosco vi porta a fare un’avventura decisamente esotica, ma dal retrogusto di fatti e persone che potete incontrare anche da dietro uno schermo, proprio grazie al pezzo che vi proponiamo.
Vi siete mai chiesti come parlano i popoli indigeni delle foreste da cui dipendono? Che cosa ne pensano di biodiversità e delle generazioni future, con il grosso peso di un futuro molto incerto? Qui il nostro @Giacomo Pontara con l’aiuto della nostra lobbista di fiducia Elena Vissa ha intervistato un abitante del Belize, Eugenio, appartente al popolo Maya Mopan, e gli ha rivolto tutte queste domande, che hanno ricevuto risposte estremamente interessanti e applicabili non solo agli abitanti originari di Paesi come il Belize, ma anche a noi europei che i boschi li vediamo magari la domenica durante una passeggiata e di certo non pensiamo di dipenderne per vivere.
Buon viaggio in un mondo che non sembra il nostro, ma che in realtà ha tantissime somiglianze!

The Forest of the Maya

Oggi Giornal di Bosco vi porta a fare un’avventura decisamente esotica, ma dal retrogusto di fatti e persone che potete incontrare anche da dietro uno schermo proprio grazie al pezzo che vi proponiamo.
Vi siete mai chiesti come parlano i popoli indigeni delle foreste da cui dipendono? Che cosa ne pensano di biodiversità e delle generazioni future, con il grosso peso di un futuro molto incerto? Qui il nostro @Giacomo Pontara con l’aiuto della nostra lobbista di fiducia Elena Vissa ha intervistato un abitante del Belize, Eugenio, appartente al popolo Maya Mopan, e gli hanno rivolto tutte queste domande, che hanno ricevuto risposte estremamente interessanti e applicabili non solo agli abitanti originari di Paesi come il Belize, ma anche a noi europei che i boschi li vediamo magari la domenica durante una passeggiata e di certo non pensiamo di dipenderne per vivere.
Buon viaggio in un mondo che non sembra il nostro, ma che in realtà ha tantissime somiglianze!

Foreste del Nord, guardando la Finlandia

Il rapporto tra popolazione e foreste, un legame quasi indissolubile Tempo di lettura 6′ La Finlandia è al secondo posto in Europa in termini di copertura forestale dopo la Svezia. Con un totale di 20,5 milioni di ettari, più del 75% del paese è composto da foreste (ce lo dice il rapporto del Ministry ofContinua a leggere “Foreste del Nord, guardando la Finlandia”

Riflessioni sulla caccia

Quello sulla caccia è un dibattito colorito e complesso, dove posizionarsi decisamente a favore o contro è forse quasi impossibile in modo obiettivo. In questo articolo trattiamo uno tra i molti aspetti legati alla caccia, ovvero che cosa implica a livello teorico la relazione tra preda e predatore. La riflessione è stata stimolata dalla lettura dei racconti di Mario Rigoni Stern, scrittore veneto, profondo conoscitore del bosco e noto cacciatore. La riflessione è del tutto personale, fateci sapere nei commenti che cosa ne pensate!

Baumfest o Festa dell’albero

La festa dell’albero – o Baumfest – è un punto di incontro fra arte, religione e tradizione in Alto Adige. Guardie forestali e maestre aiutano i bambini delle elementari a piantare alberelli in foresta prima dell’inizio delle vacanze estive, coltivando l’entusiasmo di giovani menti affascinate dalla natura presso cui vivono. Cosa possiamo imparare da questo entusiasmo? Giornal di Bosco vi accompagna in una valle dell’Alto Adige con un breve racconto story-telling, sotto un sole d’inizio estate.

Nemonte Nenquimo e l’impegno indigeno per le foreste amazzoniche

Nemonte Nenquimo è la giovane leader della comunità indigena Waorani, che vive nella regione est dell’Ecuador, in una parte della foresta amazzonica tra le più bio-diverse al mondo. Nenquimo ha ottenuto diversi riconoscimenti internazionali grazie al suo impegno nel difendere la foresta dagli interessi del governo ecuadoriano. Nel 2012 infatti, il governo ecuadoriano aveva iniziato la trattativa di vendita delle terre indigene a imprese petrolifere violando la Costituzione ecuadoriana. Dopo aver fatto causa al governo, la leader Waorani ha ottenuto una vittoria in tribunale senza precedenti. La vittoria dei Waorani è anche la vittoria non solo di tutti i popoli indigeni, ma anche di tutti gli abitanti della Terra, perché i danni alle foreste riguardano proprio tutti.

Storia di popoli in foresta

Palazzi, strade asfaltate, acqua corrente, elettricità: aspetti, così come molti altri, che possono essere dati per scontati da molti di noi. Dall’altra, piante, animali e natura sono ormai il “target” delle gite del fine settimana e non sono più, almeno nella nostra cultura occidentale, parte integrante della nostra quotidianità. Lo sono invece per circa più di un miliardo e mezzo di persone che dipendono strettamente da essi, vivendo all’interno o nelle zone limitrofe alle foreste; circa 250 milioni di queste persone vivono proprio in foresta. Difficile da credere, ma in realtà è proprio così!